Curiosi

Paninari: fenomeno effimero sinonimo di disimpegno

Enzo Braschi fa la parodia di un Paninaro al Drive In (https://www.periodicoitaliano.it/2022/04/27/era-il-paninaro-di-drive-in-oggi-ha-cambiato-completamente-vita-vi-ricordate-di-enzo-braschi/)

Più effimero e sfuggente, rispetto al fenomeno punk o a quello dark, anche perché nato su basi culturali e sociali decisamente più deboli ed aleatorie, è un altro fenomeno di costume che, però, almeno in Italia è stato sulla cresta dell’onda fra la fine degli anni ’70 e la fine degli anni ’80. Stiamo parlndo dei Paninari. Il fenomeno di costume inizia da Milano e poi si diffonde un po’ in tutta Italia. A proposito di quel che si diceva rispetto alla debolezza ideologica di questo fenomeno conviene ricordae come sia nato sulll’onda di un disimpegno dopo i movimentati anni ’70, sia dal punto di vista politico che sociale, senza scordare un vivace femento culturale. Il fenomeno dei Paninari infatti si caratterizza per il quasi totale disimpegno politico e sociale a favpre di un approccio edonista e consumistico, oltre che ostentativo di capi d’abbigliamento griffato e costoso: dal piumino alle scarpe, passando per le polo, le camicie, le magliette i cappellini…

A caratterizzare i paninari anche altri elementi. I luoghi di ritrovo, come suggerisce il nome, erano, principalmente, le paninoteche, ma anche piazze centrali di città. Ma anche il linguaggio con certe espressioni tipiche. Il fenomeno in Italia raggiunse una grande popolarità fra i giovani, tanto che nacquero, sul tema, film, riviste e anche parodie in trasmissione televisive come quella comica Drive In su Italia 1. In molti di una certa generazione ricorderanno, a tal proposito, l’imitazione del Paninaro fatta dal comico Enzo Braschi.

Fra le griffe più note i Paninari indossavano scarpe Timberland, piumino Moncler, felpe Best Company, occhiali da sole Ray Ban, jeans Avirex, Levi’s, Armani, le calze a rombi della Burlington…

Il fenomeno si esaurì, come dire, per mancanza di argomenti in meno di un decennio ma chi ha vissuto quegli anni lo ricorda in maniera ancora omolto netta con tutte le sue contraddizioni.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.